Home Economia Bonus bebè al via, ecco le istruzioni Inps

Bonus bebè al via, ecco le istruzioni Inps

235
0
SHARE
bonus bebè

Con la circolare n.93 dell’8 maggio 2015, l’Inps ha fornito tutte le istruzioni necessarie per il c.d. Bonus Bebè. A partire da lunedì 11 maggio, infatti, per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 sarà possibile presentare le domande per poter fruire di questo bonus da 80 euro al mese (960 euro annui), da corrispondere mensilmente fino al terzo anno di vita del bambino oppure fino al terzo anno dall’ingresso in famiglia del figlio adottato.

Il Bonus Bebè, che rientra nell’ambito degli interventi normativi volti a sostenere i redditi delle famiglie, verrà corrisposto su domanda direttamente dall’Inps tramite un assegno ed è previsto per i figli di cittadini italiani o comunitari oppure per i figli di cittadini di Stati extracomunitari con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.
Una condizione fondamentale è che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente sia in una situazione economica corrispondente ad un valore dell’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore ai 25000 euro annui. Tuttavia, per i nuclei familiari con ISEE non superiore a 7000 euro annui l’importo annuale dell’assegno è raddoppiato. Ricapitolando, l’importo annuo dell’assegno è pari a:
960 euro (80 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 25000 euro annui;
1.920 euro (160 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 7000 euro annui.

La domanda per il riconoscimento del Bonus Bebè deve essere presentata all’Inps esclusivamente in via telematica mediante una delle seguenti modalità:
– Servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN dispositivo attraverso il portale dell’Istituto;
– Contact Center Integrato al numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o al numero 06 164.164 (da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
– Patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Dal punto di vista fiscale, è opportuno precisare che l’assegno per il Bonus Bebè non concorre alla formazione del reddito complessivo. Sul sito Inps dell’Inps, in ogni caso, potete trovare tutte le informazioni tecniche e operative per la presentazione delle domande.