Home Fisco Contanti, il nuovo limite dimentica l’F24

Contanti, il nuovo limite dimentica l’F24

7441
1
SHARE
contanti

Per effetto della recente Legge di Stabilità, a partire dal 1° gennaio 2016 il limite all’uso dei contanti negli scambi tra soggetti diversi è stato innalzato a tremila euro (leggi qui il nostro approfondimento). È stato modificato, pertanto, il precedente limite di mille euro introdotto nel 2011. Per le operazioni di valore superiore, bisognerà usare strumenti tracciabili mentre, è opportuno precisarlo, questo limite non vale per operazioni effettuate sul proprio conto corrente, per cui non esiste alcun “tetto” di prelievo o utilizzo nel rispetto, naturalmente, della normativa antiriciclaggio.

I commercialisti, però, evidenziano tutte le loro perplessità. Secondo il Presidente dell’ANC (Associazione Nazionale Commercialisti) Marco Cuchelse si considera quanto espresso dal Ministro dell’Economia Padoan sulla mancanza di correlazione tra l’uso dei contanti e il fenomeno dell’evasione, e se l’intento da parte del Governo vuole essere quello di favorire la fiducia di cittadini ed imprese, allora si fatica a comprendere la ragione per la quale il tetto per il pagamento in contanti mediante modello F24 cartaceo, da parte di soggetti non titolari di partita Iva, non sia stato anch’esso aumentato“.
Come previsto dall’art.11 del Decreto Legge n.66/2014, infatti, se un contribuente, non titolare di partita Iva, deve versare tramite modello F24 una somma superiore all’importo di mille euro non può farlo recandosi in Banca o Posta, ma deve necessariamente ricorrere ai canali telematici disponibili oppure avvalersi dell’assistenza di un commercialista.

Per molti cittadini – continua Cuchel – pensiamo, ad esempio, a coloro che possono avere più difficoltà ad avere accesso agli strumenti informatici e al loro utilizzo, l’esistenza dell’attuale soglia per i versamenti con modello F24 cartaceo può costituire un ostacolo che, per le stesse ragioni che hanno indotto il Governo alla decisione di aumentare il tetto per i contanti, sarebbe stato opportuno rimuovere, e rispetto al quale l’ANC auspica che si intervenga di conseguenza. Nell’interesse di tutti, i cittadini contribuenti devono essere messi nella condizione di pagare le imposte dovute con semplicità, senza inutili complicazioni. Anche se questo potrebbe apparire scontato, purtroppo non lo è, e la semplificazione, di cui tanto si discute, spesso resta solamente un’intenzione nei fatti disattesa“.