Home Marketing Digital in 2016: un mondo di iperconnessi e social addicted

Digital in 2016: un mondo di iperconnessi e social addicted

242
0
SHARE
Fonte: wearesocial.it

Pazzi per i social ma non i primi. L’Italia è un paese social addicted ma non quello più performante. Preferiamo connessione da smartphone e Facebook. È quanto emerge dal Report di We Are Social “Digital in 2016” che contiene dati, analisi e trends utili per comprendere lo stato attuale della frontiera digitale.
Su una popolazione mondiale di oltre 7 miliardi di persone, quasi la metà fa uso di internet, di cui oltre 2 miliardi utilizzano i social network. Trend in continua crescita.

Tale incremento riguarda tutti i continenti: anche in America ed in Asia aumentano le statistiche che riguardano gli utenti online; nell’ultimo anno solo in Africa vi è stato, infatti, un aumento notevole che ha prodotto un risultato pari ad oltre 47 milioni di utenti online.
Statistiche di We Are Social alla mano è la Corea del Sud ad avere la più alta percentuale di utenti social (78%); l’Italia si posiziona a metà classifica con una percentuale pari al 47%.

Digital in 2016: il punto sui Social Network


A livello mondiale, gli utenti più attivi preferiscono Facebook, al primo posto in assoluto, seguito subito da Qzone, Tumblr, Instagram e Twitter. Ultimi posti, invece, per Pinterest e Linkedin. Per le app di messaggistica istantanea invece, gli utenti preferiscono Whatsapp, QQ e Fb Messenger.
Alcune curiosità dal mondo. Nelle Filippine un utente spende in media oltre tre ore sui social. Dati relativamente bassi, invece, in Europa con la Germania (1,1h), ma niente a che vedere con la media del Giappone: il tempo dedicato ai social è decisamente molto meno di un’ora al giorno.
Facebook è – di gran lunga – il canale social maggiormente utilizzato (più di 1.5 miliardo di utenti attivi), ma è in enorme crescita l’uso di servizi di instant messaging.
Whatsapp si sta avvicinando al miliardo di utenti attivi (oggi ne conta 900 milioni, contro i 600 di 12 mesi fa), mentre Facebook Messanger ha superato gli 800 milioni (erano 500 milioni nel 2015); Snapchat ha raddoppiato la sua base utenti, passando da 100 a 200 milioni.

Digital in 2016: scenario Italia


(Quasi) 60 milioni di abitanti: oltre 37 milioni navigano in internet e 28 milioni utilizzano i social network. In realtà, nel corso di un anno non vi è stato alcun incremento in percentuale circa gli utenti attivi sui social media. Inoltre, se la percentuale dei “naviganti” è aumentata del 6%, il dispositivo mobile rimane sempre quello preferito dagli italiani. Un italiano si collega ad internet in media 4h e 5m da pc o da tablet e 2h e 10 m da smartphone. Nella giornata standard, 1h e 57 m sono dedicati ai social network. Il 79% degli italiani attivi online si collega ad internet almeno una volta al giorno, il 15 % una volta a settimana e solo l’1% meno di una volta al mese.

Che sia un bene o un male ancora non lo abbiamo decretato. E probabilmente non lo faremo mai. Di certo, il tempo investito nei social (a parte chi li utilizza per lavoro) è sottratto ad altre attività. E di questo non esiste un report, il più interessante.
Per un approfondimento ecco il link al report Digital in 2016 su Slideshare.