Home eCommerce Google elimina la parte laterale degli annunci pubblicitari. Advertising più costosi?

Google elimina la parte laterale degli annunci pubblicitari. Advertising più costosi?

174
0
SHARE

Si va sempre più verso il mobile e tutto inizia ad essere più performante proprio in questa ottica. Dopo Facebook che ha introdotto Canvas (clicca su questo link per maggiori dettagli) anche Google ottimizza tutto in ottica mobile.

L’ultima novità e di Google Adwords e riguarda l’eliminazione della parte laterale della SERP (Search engine results page), la pagina di ricerca del motore di ricerca, che era dedicata agli annunci a pagamento. Infatti prima la pagina che ci appariva dopo aver inserito nel campo di ricerca una parola era così:
Google elimina la parte laterale degli annunci pubblicitari. Annunci più costosi?

Oggi la parte che vedete sulla destra non appare più, avvicinandosi in questo modo sempre di più alla visualizzazione da mobile dove una barra laterale per questioni di spazio non era già presente. Ora gli annunci a pagamento di Google Adwords si concentreranno esclusivamente nei primi 4 risultati (numero in aumento rispetto a prima) in cima alle pagine di ricerca.

Le conseguenze immediate sono una riduzione dello spazio degli annunci pubblicitari, anche se Big G lascia aperta la possibilità a chi effettua campagne shopping di continuare a sfruttare la barra laterale. L’intento di Google è quello di aumentare la qualità degli annunci ma di contro per gli inserzionisti questo comporterà un rialzo dei costi per fare advertising. Come riportato da un esperto del settore come Ale Agostini i costi per click per essere nei top 4 sono cresciuti anche del 35/40%.

Quali soluzioni allora a questa decisione di Google? È lo stesso Agostini a fornirci un suggerimento (clicca sul link per leggere l’articolo di Ale Agostini):
1) Aumentare la frequenza di Bidding in modo da far risparmiare sul CPC (cost per click) di Google Adwords.
2) Non comprare più su Adwords le parole di brand per cui si è già posizionati in ottica SEO.
3) Integra il SEO nel mix del marketing sui motori di ricerca. Secondo Agostini, molti esperti ritengono che Google abbia fatto questo cambio in quanto gli utenti associavano gli annunci della parte destra alla pubblicità, quindi appena le persone comuni assoceranno anche il blocco in alto come pubblicità, i risultati SEO ne beneficeranno immediatamente.