Home Marketing Lavoro: come traformare una professione tradizionale in digitale

Lavoro: come traformare una professione tradizionale in digitale

140
0
SHARE

Il lavoro non è più quello di una volta. O meglio: se è vero che oltre alle competenze serve anche una rete di relazioni, allora non si può prescindere dalle opportunità offerte dai canali online. Sarebbe un errore pensare le risorse del web siano riservate solo ad alcune professioni: tutti possono trarne vantaggio trovando il proprio spazio, e non c’è bisogno di avere un proprio sito. Vediamo insieme tre piccole idee per iniziare.

Trova la tua community
Quando pensiamo a un utilizzo professionale dei social, la prima cosa che viene in mente è iscriversi a LinkedIn. Per quanto una presenza su questa piattaforma sia effettivamente un buon veicolo di promozione, d’altro canto è innegabile che non tutte le categorie professionali vi siano presenti.

Basta fare una piccola ricerca su Google per scoprire che esistono numerose community rivolte a specifici settori, dove entrare in contatto con colleghi anche fuori dall’Italia con cui condividere esperienze o informazioni. Ad esempio su Archilovers gli architetti da tutto il mondo si confrontano su progetti o scambiano ispirazioni per crescere professionalmente senza lasciare la propria città. Oppure puoi iscriverti ai diversi gruppi di professionisti su G+. Non trovi la tua? Chissà che non possa essere un’idea per fondarne una tu stesso!

Offri i tuoi servizi sulle piattaforme dedicate
Tutti quanti utilizziamo internet per raccogliere informazioni prima di effettuare un acquisto, e farsi trovare in questa fase può essere determinante. Ma soprattutto tutti cerchiamo di sfruttare queste informazioni per acquistare al miglior prezzo possibile: una necessità che sembra complicata da soddisfare nel caso in cui si tratti di servizi.

Unknown

Anche in questo caso basta dare uno sguardo su Google per scoprire che esistono numerose piattaforme per risparmiare online confrontando dei preventivi come Edilnet che facilitano l’incontro fra domanda e offerta. Qui ad esempio è possibile realizzare gratis un piccolo sito, con immagini e descrizioni dei lavori, oppure creare promozioni personalizzate che sfruttano la visibilità di una rete più grande di quella che possiamo creare.

Parla del tuo lavoro su Facebook
C’è un uso professionale dei più comuni social network che viene spesso sottovalutato, abituati come siamo a condividere su Facebook perlopiù momenti di vita privata o a divertirci con gli amici. Un atteggiamento sicuramente in linea con gli scopi di un social, ma che non esclude anche di poterlo sfruttare anche per raccontare il proprio lavoro.

Soprattutto se partecipiamo a corsi di formazione ed eventi, o meglio ancora se abbiamo clienti fra i nostri contatti. Basta avere cura di condividere una foto, una frase, qualsiasi tipo di contenuto che parli della nostra professionalità, magari anche taggando le persone giuste. Scommettiamo che tra tutti gli utenti iscritti a Facebook ci sono anche potenziali clienti?