Home Economia DDL Stabilità 2016, maxiemendamento integralmente sostituivo

DDL Stabilità 2016, maxiemendamento integralmente sostituivo

390
0
SHARE

Nella seduta di giovedì 19 sono stati approvati, senza modifiche, i 17 articoli del ddl di bilancio e delle annesse tabelle.

Ma ieri sera il Governo ha posto la questione di fiducia su un maxiemendamento interamente sostitutivo del testo del ddl di stabilità. E’ ora in corso la discussione sulla questione di fiducia.

La chiama per il voto è prevista oggi intorno alle ore 12. Dopo la presentazione e l’esame della Nota di variazioni, sarà votato il ddl di bilancio nel complesso.

Ecco alcune delle novità apportate al ddl stabilità.

Tassazione immobiliare:

1) TASI esenzione sugli immobili adibiti ad abitazione principale con l’inclusione di quelli in cui risiede e dimora l’ex coniuge assegnatario in caso di separazione, divorzio o annullamento degli effetti del matrimonio, nonché per le case concesse in comodato gratuito a parenti in linea retta utilizzate come abitazione principale e a condizione che il contratto sia registrato, che il comodante abbia adibito nel 2015 lo stesso immobile come abitazione principale e che non possieda un altro immobile ad uso abitativo in Italia. Ci si chiede quanti possano poi realmente fruire di tale agevolazione e se forse il legislatore non abbia in realtà confuso il “comodante” con il “comodatario”. Ad ogni modo, in tali ipotesi l’emendamento al ddl stabilità prevederebbe quindi un’assimilazione dei predetti immobili all’abitazione principale con la conseguenza che il proprietario (comodante) non dovrà versare né l’IMU, né la TASI purché l’immobile non sia accatastato nelle categoria A1, A8 e A9.

2) imposta sostitutiva dell’8% per l’estromissione dell’immobile strumentale dell’imprenditore individuale. Nella nuova proposta l’imprenditore individuale che alla data del 31 ottobre 2015 possiede immobili strumentali potrà optare per l’esclusione dagli stessi dal regime d’impresa assolvendo l’imposta sulla differenza tra il valore normale degli immobili estromessi e il costo fiscalmente riconosciuto.

3) imposta di registro: L’acquisto di un immobile con le agevolazioni “prima casa” sarà infatti possibile anche nel caso in cui l’acquirente non abbia ancora proceduto alla vendita del vecchio immobili, a condizione che il contribuente proceda all’alienazione dello stesso entro un anno dal nuovo acquisto.

4) affitti “in nero”. Viene prevista la nullità di ogni pattuizione con l’intento di definire un importo del canone di locazione superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato. Nei casi di nullità il conduttore, con azione proponibile nel termine di sei mesi dalla riconsegna dell’immobile locato, potrà richiedere la restituzione delle somme corrisposte in misura superiore al canone risultante dal contratto scritto e registrato.

Contanti:

Al comma 512 del ddl stabilità, resta confermato l’innalzamento a 3.000 euro della soglia di circolazione del contante ad eccezione per le attività dei money transfer che non potranno superare le 1.000,00 euro

Canone Rai:

Proposto il pagamento in dieci rate del canone Rai in bolletta elettrica, con una soglia di reddito per l’esenzione a favore degli over 75 che viene portata a 8.000 euro (rispetto ai 6.700 attuali).