Home Economia Coop Alleanza 3.0: nasce la più grande cooperativa di consumo d’Italia

Coop Alleanza 3.0: nasce la più grande cooperativa di consumo d’Italia

552
0
SHARE

L’operazione Coop Alleanza 3.0 è ufficialmente partita. Si chiamerà così la nuova cooperativa che nascerà dalla fusione tra Coop Adriatica, Coop Estense e Coop Consumatori Nordest.

Quella che secondo quanto riportato dall’agenzia ANSA sarà la più grande cooperativa di consumo italiana che potrà annoverare 2,7 milioni di soci con circa 5 miliardi di fatturato. Una diramazione sul territorio con 419 punti vendita, tra i quali 56 ipermercati e una forza lavoro composta da 22 mila dipendenti.

Il via libero definitivo a Coop Alleanza 3.0, così sarà chiamata la cooperativa che nascerà dalla fusione, sarà dato il 3 ottobre quando si terranno contemporaneamente le tre assemblee generali a cui parteciperanno i soci delegati eletti nelle 77 assemblee nazionali. La nascita del nuovo soggetto è prevista per il primo gennaio 2016 e la guida sarà affidata a tre amministratori delegati di cui uno vestirà la carica di presidente.

I nomi dei tre amministratori delegati dovrebbero essere quelli di Paolo Cattabiani, attuale presidente di Coop Nordest, Massimo Ferrari, attualmente direttore di gestione di Coop Estense e Adriano Turini, attuale presidente di Coop Adriatica e Finsoe e consigliere Unipol. Proprio nelle mani di Turini sarà affidato il comando della Coop Alleanza: sarà lui il presidente.

Coop Alleanza 3.0 avrà la sede legale a Castenaso in provincia di Bologna con sedi secondarie a Modena e Reggio Emilia. La struttura societaria si comporrà di due holding, una per le partecipazioni guidata da Cattebiani e una per il retail guidata invece da Ferrari.

Quello che nascerà sarà un vero e proprio colosso della distribuzione con una forte partecipazione anche in un soggetto finanziario come Unipol. Sarà del 17% la quota di Coop Alleanza in Unipol tra quote dirette e indirette.

Con questo grande passo da parte di Coop, parte l’assalto definitvo all’Esselunga; infatti soprattutto al Nord Italia la catena di Bernardo Caprotti ha margini di redditività maggiori delle Coop.