Home Fisco Tassa sui condizionatori, ecco la verità

Tassa sui condizionatori, ecco la verità

569
0
SHARE
tassa sui condizionatori

L’allarme arriva da Federconsumatori e Adusbef: cittadini italiani, preparatevi a sborsare altri soldi perchè è in arrivo la tassa sui condizionatori. Un annuncio che ha destato non poche preoccupazioni, proprio nella settimana in cui il caldo record ha fatto impennare i consumi energetici alla ricerca di un po’ di refrigerio. Secondo le associazioni dei consumatori, tutto deriva dalla necessità di adeguare la legislazione italiana ad una direttiva europea, che paragona i condizionatori agli impianti di riscaldamento, obbligando i proprietari a possedere un libretto di impianto e ad introdurre controlli ogni quattro anni. In termini economici, una spesa che oscillerebbe tra i 200 e i 300 euro.

Ma è davvero così? Per fare fare un po’ di chiarezza in merito a questa presunta tassa sui condizionatori, sgombrando il campo da equivoci e inutili allarmismi, basta fare qualche ricerca. Innanzitutto si scopre che la normativa sui libretti di impianto e sui rapporti di controllo di efficienza energetica è già in vigore da un bel po’, e pertanto non si tratta di una sorpresa estiva last minute. Sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, in ogni caso, è possibile consultare i decreti pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e persino le risposte alle domande più frequenti.

L’aspetto più importante da evidenziare, in estrema sintesi, è che si procede al controllo di efficienza energetica solo quando la potenza utile, in una delle modalità di utilizzo (climatizzazione invernale/estiva), è maggiore o uguale a 12 kW. Per impianti di potenza inferiore, pertanto, non cambia assolutamente nulla. Il fatto che l’impianto debba esser munito di libretto non è certamente una novità, esattamente come l’obbligatorietà di libretti e controlli oltre un certo limite. È tutto scritto in un Decreto (cliccare per il link) del 2013 che, evidentemente, in pochi avevano letto sino ad oggi. D’altronde, è molto più semplice far preoccupare i cittadini annunciando l’arrivo di una tassa sui condizionatori.